Oro, Palladio, Argento e Platino: ipervalutazione di metalli e grezzi fino al 100% in piu' nell'ultimo anno

Nell'ultimo anno tutti i metalli hanno subito un incremento del prezzo che in alcuni casi ha sfiorato il tetto del 100%; Oro, Palladio, Argento, Platino seguono lo stesso trend di corsa al rialzo dei prezzi che finora è stato prerogativa del Petrolio e dei Gas naturali per le forniture di energia.

Skype, una cuffia e un microfono, segnale libero. Due squilli. Risponde Bangkok, Thailandia. Uno scambio d'impressioni e di notizie sulla falsa riga di "Come va in Italia", "Quali sono le novità dalle tue parti?". Quella che segue è la trascrizione delle ultime novità dal settore orientale, emerse durante una riunione tra alcune Realtà orientali (e relativi partner occidentali) nel settore Metalli e Materiali grezzi. Si parla di una nuova Corsa all'Oro e da quello che sembra, siamo appena agli inizi.

Bangkok (Thailandia) - La corsa al rialzo ha contaddistinto e segnato i Mercati energetici negli ultimi 5 anni. Dal Petrolio al Gas naturale, tutte le fonti energetiche i cui monopoli sono costantemente contesi ed oggetto di scelte politiche causa di tensioni internazionali e guerre, fanno parte di un trend ben noto al consumatore europeo. Nell'ultimo anno questo trend di corsa al rialzo coinvolge anche il Mercato dei metalli e dei materiali grezzi in generale. "Nell'ultimo anno" - spiega Simone Callai, Managing Director GLOBAL-FINDINGS Group Ltd di Hong Kong, in occasione dell'incontro con alcuni partner di area asiatica ed europea - "tutti i metalli hanno subito un incremento del prezzo a volte pari a quasi il 100%". Ciò significa che le Grandi Realtà di settore vendendo lo stesso volume di merci, o anche accusando un decremento di vendita del 10%-15% stanno ottenendo comunque utili superiori alle migliori previsioni d'inizio anno. "C'è nell'aria qualcosa d'importante a livello internazionale" - dice Simone Callai - "Una guerra, paura per un'azione che ha le potenzialità di mettere a rischio il Mercato globale. Quale che sia il motivo il mercato dei metalli sta seguendo un trend che non ha nulla a che vedere con il valore commerciale del prodotto, ma che è legato a scenari politici internazionali poco rassicuranti".

"La Russia e la fornitura del Gas che ha evidenziato le dipendenze energetiche europee, l'Iraq e gli interessi mossi dalla guerra contro un Paese che è il secondo fornitore mondiale di petrolio, l'Iran e l'arricchimento dell'Uranio, hanno destabilizzato alcuni scenari tradizionalmente più forti come il Mercato dei metalli" - spiega Andrea Dolcemascolo, Managing Director A.D. ASIA Manufacturers, al termine dell'incontro con i partner europei. "Gli interessi e gli investimenti reali nel settore dei materiali grezzi vedono in prima fila azende asiatiche che stanno utilizzando fortissime somme per assicurarsi una fetta del mercato" - continua Simone Callai. Come reagisce il Mercato europeo? Lo spiega Andrea Dolcemascolo, il cui trading coinvolge alcune Aziende di settore nella zona Arezzo - Vicenza, la Silicon Valley della lavorazione dei grezzi, preziosi e semi-lavorati: "L'onda non viene cavalcata per mancanza di valide strategie comunitarie, la cui diretta conseguenza è quella di uno scontro di piani indipendenti uniti da un solo punto in comune: bloccare gli acquisti considerati più pericolosi per la sopravvivenza dell'economia. Alcune aziende fornitrici di oro, di semilavorati e catename, e parlo di aziende forti in aree storiche come Arezzo e Vicenza, si trovano ora in evidente difficoltà a causa dell'ipervalutazione dell'oro, causa primaria del mancato rinnovo di ordini o dell'annullmanto di quelli pendenti".

Se ne scriveva scritto sull'Intruder:


Sul caro benzina, il greggio e il Mercato del Petrolio: Intruder del 12 Maggio 2006.
Sul dinamismo e la crescita del mercato asiatico: Intruder del 22 Febbraio 2006, del 13 Marzo 2006, del 21 Marzo 2006, del 21 Aprile 2006.
Sulla stagnazione del Mercato europeo e italiano: Intruder del 23 Febbraio 2006, 28 Febbraio 2006, 6 Marzo 2006.