Roma sul fotovoltaico: l'ambiente? non è una moda!

Quasi in controtendenza con il dibattito politico e sociale attorno a quale sia l'energia sostenibile su cui investire, la Provincia di Roma scommette sul fotovoltaico e lo fa investendo sulle sue scuole. L'energia del futuro per ''dare luce'' alle generazioni che saranno il futuro del nostro Paese. Perché l'ambiente non è una moda e l'energia verde non deve essere messa in discussione.

Il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, è stato molto chiaro in merito. Questo è un progetto che sta attuando una rivoluzione ambientale: "Stiamo vincendo una scommessa che era ardua: siamo i numeri uno in Italia e stiamo facendo qualcosa di concreto". Coinvolgere le prossime generazioni in una crescita esperenziale in cui la sensibilità ambientale incontri l'istruzione: "La battaglia per lo sviluppo sostenibile si vince con tanti piccoli interventi e i soldi che risparmiamo dalla bolletta energetica degli istituti li potremo reinvestire nella scuola". Ma è solo l'inizio perché la Provincia di Roma parte dalle scuole per dare il via a una pianificazione territoriale - su cui si batte da tempo - costruita sulla gestione sostenibile delle risorse che coinvolgerà il risparmio idrico e la qualità delle acque, lo sviluppo delle energie alternative e l'uso razionale dell’energia, la riduzione dei rifiuti e la raccolta differenziata, la mobilità sostenibile, la biodiversità e le risorse forestali, fino alla più difficile delle sfide: un'Amministrazione sostenibile. Per far fronte a questi impegni, la Provincia di Roma ha aderito al World Environment Day (WED, Giornata Mondiale dell'Ambiente) creando il paradosso per cui mentre s'investe concretamente sullo sviluppo sostenibile di un territorio d'importanza strategica com'è quello di Roma, dall'altra parte si discute animatamente sul futuro e sulle forme di energia alternativa verso cui puntare. In questo contesto il 5 Giugno 2011 diventa una data importante oltre gli abituali scenari in cui si ripropone ogni anno il WED.

Nato da un'iniziativa dell' UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente), ogni anno il WED si concentra attorno ad una tematica ambientale prioritaria: il 2011 è stato dichiarato dalle Nazioni Unite l'anno internazionale delle foreste. Ma il contesto non limita l'attività dell'UNEP e il significato del WED quanto mai concentrato sul tema dello sviluppo ecosostenibile dei Paesi in via di sviluppo. Il programma ambientale della Nazioni Unite ha un obiettivo dichiarato: offrire nuove opportunità di sviluppo a quei territori che accusano un forte gap tecnologico e di sviluppo. Architettura sostenibile, sostenibilità dei territori, tutela dell'ecostistema, sono solo alcune delle tematiche del Programma.

Aderendo al World Environment Day, la Provincia di Roma diventa parte attiva di un movimento internazionale che va oltre bandiere e confini, perché l'ambiente non è una moda. Lo affermano con forza le oltre 50 associazioni internazionali che recentemente si sono schierate in difesa di Terra! nel suo contenzioso con Cartiere Pigna. E dal 2007, hanno fatto propria questa affermazione tanti brand la cui attività è legata alla salute del territorio di riferimento. Come la Provincia di Roma.