Expo FAO Sud-Sud 2011: quattro giorni per sollevare l'attenzione sulla criticità dell'insicurezza alimentare

A Roma dal 5 al 9 dicembre, l'Expo FAO: quattro giorni per illustrare le soluzioni plausibili per combattere la fame nel mondo ed affrontare altre sfide di rilevanza globale. Expo per lo Sviluppo Sud-Sud è l'evento FAO per la condivisione di esempi che hanno permesso di vincere alcune sfide globali nell'emisfero meridionale del pianeta, la maggior parte causate dall'insicurezza alimentare. Tre eventi in uno: un convegno di Alto Livello, una tavola rotonda dei leader nel campo della cooperazione Sud-Sud, un Forum per la Condivisione delle Soluzioni.

Global South-South Development, cos'è ?
L'evento Expo globale per lo Sviluppo Sud-Sud organizzato a Roma dal 5 al 9 dicembre 2011 nasce dalla volontà della FAO d' illustrare le soluzioni alla fame nel mondo, spesso causate dalla situazione critica dell'insicurezza alimentare che riguarda 925 milioni di persone e che coinvolge tutte le aree d'interesse toccate dall'expo: agricoltura, alimentazione, ambiente, cambiamento climatico, energie rinnovabili e salute. Quattro giorni di condivisione d'informazioni in cui 30 espositori illustreranno alcune delle soluzioni messe in pratica con efficacia per lo sviluppo del Sud. L' insicurezza alimentare è la battaglia su cui la FAO sta investendo tempo e risorse umane senza riserve, tema dominante di tutte le iniziative attivate nel 2011.


[ N.d.R. ] Un' economia globale fondata sul debito non crea Fame prodotta per mancanza di fondi. Portare e mantenere alla fame quasi un miliardo di persone, un anno dopo l'altro, un lustro dopo l'altro, una generazione dopo l'altra, è un'impresa che richiede volontà, impegno e consapevolezza nel NON investire  in infrastrutture, nel NON condividere conoscenze tecniche e brevetti altrimenti non monetizzabili, nel NON distribuire risorse superflue il cui normale smaltimento comporta investimenti superiori all'eventuale imballaggio, carico, trasporto e distribuzione degli stessi in aree bisognose. Produrre la Fame nel Mondo è un business radicato nella speculazione di vite e territori a beneficio di pochi. E' un business che coinvolge anche i container che giungono a destinazione solo per diventare oggetto di sciacallaggio, intemperie e baratto politico. E' un business che sarà oggetto di prossimi articoli di alcune firme della nostra Legacy.

L'Expo è organizzato come ogni anno dall'Unità Speciale delle Nazioni Unite per la Cooperazione Sud-Sud. "L'edizione 2011 solleverà l'attenzione sulla situazione critica dell'insicurezza alimentare nel Sud, dove soffrono la fame oltre 925 milioni di persone" - spiega l' Ufficio Stampa FAO in una nota diffusa ai giornalisti. "Prenderanno parte all'evento" - continua la nota -"anche molti altri attori coinvolti nel campo dello sviluppo internazionale, tra cui vari rappresentanti di ONG e del settore privato, e anche gli Ambasciatori di buona volontà della FAO".

L'Expo riunisce tre eventi principali:


  • Una Sezione di Alto Livello, che riunirà i responsabili diretti per la cooperazione allo sviluppo internazionale, in particolare la cooperazione Sud-Sud e la cooperazione triangolare.
  • Una Tavola Rotonda dei Leader, che sarà impostata sul dialogo riguardante le problematiche dello sviluppo umano globale e la cui moderazione sarà affidata alla giornalista e presentatrice BBC Zeinab Badawi.
  • Una serie di Forum, che condivideranno le soluzioni praticate per rispondere alle sfide globali tematiche: Agricoltura e Sviluppo delle Capacità; Protezione Sociale e Agricoltura; Cambiamento Climatico; Ambiente e Agricoltura; Alimentazione e HIV/AIDS; Salute Globale e Agricoltura; Energie Rinnovabili e Agribusiness.

Sede FAO di Roma
Viale delle Terme di Caracalla (Metro Circo Massimo)

La cerimonia di apertura è fissata alle 9:30 di Lunedì 5 dicembre con conferenza stampa a seguire prevista per le 11:45 nell'Iran Room. Presenzieranno: il Presidente della 66° Sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Nassir Abdulaziz Al-Nasser; il Presidente della Commissione d'Alto Livello sulla Cooperazione Sud-Sud e Ambasciatore del Kenya, Macharia Kamau; il Direttore dell'Unità Speciale per la Cooperazione Sud-Sud (SU/SSC) e Vice Direttore Generale FAO per le Operazioni, Yiping Zhou.

Il Salone Espositivo delle Soluzioni aprirà alle ore 11:00 del 5 dicembre 2011. E' prevista una copertura webcast sul FAO Webcast e una Twitter con hastag #GSSD11.

I giornalisti possono richiedere l'accredito stampa direttamente all'ingresso principale della FAO: i media con sede a Roma presenteranno un documento d'identità valido (con foto) e un tesserino stampa valido o, in mancanza del tesserino, una lettera d'incarico su carta intestata firmata dal proprio caporedattore; i media con sede fuori Roma sono pregati di scannerizzare e mandare via e-mail una lettera d'incarico firmata dal proprio caporedattore, insieme ad un valido documento d'identità con foto.


PROFILER FAO SALA STAMPA

FAO Sala Stampa è l'Ufficio Stampa italiano della FAO, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura, il cui claim è: "per un mondo libero dalla fame".

La sede centrale della FAO si trova a Roma tra viale Aventino e viale delle Terme di Caracalla a poche decine di metri dal Circo Massimo. Oltre alla FAO altre due Agenzie ONU per l'alimentazione hanno sede a Roma: IFAD, Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo; PAM, Programma alimentare mondiale. Sebbene queste tre Agenzie abbiano ruoli differenti, la loro cooperazione e la loro interazione ha come finalità un solo univoco obiettivo: "la riduzione della povertà e della fame nel mondo".

Informazione, consulenza, convention, lavoro diretto sul campo rappresentano i quattro capisaldi strategici tramite cui la FAO intende perseguire l'obiettivo ideale: "un mondo senza fame". In proposito, il nuovo sito istituzionale e formativo della FAO dedicato ai ragazzi e non solo, è in grado di fornire risposta alla maggior parte delle domande in proposito all'Organizzazione, alle finalità, alla messa in opera di progetti e alle relazioni con altre Agenzie ONU e, più in generale, con tutte quelle Associazioni umanitarie che operano e si muovono all'interno dei "mercati globali". Per maggiori informazioni visita FAO Ragazzi e non farti ingannare dal nome va benissimo anche per te, quale che sia la tua età, la tua estrazione sociale, la tua cultura e il tuo lavoro!

FAO Sala Stampa ha quindi il compito di muovere informazione per dare eco a tutte quelle iniziative che di fatto costituiscono l'"agenda lavoro quotidiana" dell'Organizzazione. In tal proposito, un paio d'anni fa, è stato deciso di tradurre in linuga italiana i comunicati stampa per rispetto al Paese ospite (Italia), permettendo così una veicolazione più capillare dell'informazione FAO verso (e a volte "per") il pubblico italiano. Tale veicolazione avviene sia su formato cartaceo che on-line.

Per maggiori informazioni sulle possibilità di relazionamento "FAO Sala Stampa e giornalisti": FAO Sotto-divisione Relazioni con i Media.