fbpx

Brief Trendline: agosto 2021

Sommario

  1. Punto di osservazione
  2. Factsheet su ricerche organiche
  3. Eccezioni ransomware
  4. Conclusioni preliminari
  5. Anomalia vaccination group
  6. Info Trendline

Oggi i trend si muovono e cambiano in tempi molto ristretti, il sistema deve continuamente rinnovarsi al fine di reagire prontamente alle novità in arrivo dalla strada e in particolar modo nei tempi di crisi, in cui tutto è giocato sulla novità e la creatività, che cambiano struttura dalla radice. In tempi normali, invece, il "problema tendenza" non esiste e nella moda lo stilista effettua piccoli cambiamenti alla collezione (ogni sei mesi) senza essere costretto a rivedere la propria struttura. Sta qui la differenza tra mode e tendenze: mentre la moda non è altro che il consolidamento di una tendenza, quest'ultima deve essere necessariamente anticipazione.
Marketing non-convenzionale | Bernard Cova, Alex Giordano, Mirko Pallera

Punto di osservazione

L’Intruder è presente su Facebook e Twitter ma nella sua attuale fase (beta) progettuale i social network non sono tra le priorità della gerenza. La maggior parte dei visitatori arrivano dai risultati dei motori di ricerca come Bing News, Baidu, DuckDuckGo, Google, Yandex. Il secondo gruppo di rilevanza statistica è quello delle visite dirette per ritorno utenze o per passaparola.

La top 5 dei motori di ricerca (all time) che hanno servito visitatori diretti a pagine specifiche del sito – ipotizzabili come reali al netto di BOT e attori – evidenzia il naturale predominio di Google con un inatteso outsider:

  1. Google (91,7%)
  2. Bing (5,7%)
  3. DuckDuckGo (1,9%)
  4. Yahoo! (0,5%)
  5. Qwant (0,2%)
Qwant è un motore di ricerca il cui sviluppo risale al 2011, lanciato in beta nel 2013 per utenze francesi e tedesche e sostenuto dal 2016 grazie a finanziamenti BCE - da qui il claim "motore di ricerca europeo". Dal 2018 consultabile in versione dedicata per dispositivi mobili, nel 2019 allarga la sua piattaforma di offerte includendo un servizio maps e potenziando la sua offerta pubblicitaria (2020) con team dedicato cookieless - competitore AdWords - come annunciato dal Chief Revenue Officier (CRO) Qwant in press release 24 novembre 2020.

Factsheet su ricerche organiche

L’audit di Google mostra in top 5 ricerche composite specifiche, se pulite delle ricerche correlabili ai ransomware:

  1. “covid artificiale montagnier aveva ragione”
  2. “green pass hack”
  3. “how to hack green pass”
  4. “green pass decoder”
  5. “montagnier”

Il picco di ricerche servite dai motori in agosto è stato raggiunto nella giornata del 17 agosto.

Considerando il ferragosto e l’ultima dayline settimanale al 13 agosto, di seguito i contenuti proposti da venerdì 13 agosto a martedì 17 agosto ognuno correlabile a uno o più argomenti coerenti a campagna vaccinale, cyberwarfare, migranti, sicurezza informatica e storytelling:

Le pagine di destinazione servite da Google e le pagine di arrivo servite da tutte le ricerche organiche, eccezioni ransomware incluse: / indica l'arrivo in home page, mentre /feedby/ indica l'arrivo sul feed beta dell'Intruder: il feed proprietario non è linkato in nessuna delle pagine del sito ma proposto direttamente in publisher Google News e ugualmente trovabile (fino al 7 settembre) da spider lanciati sul sito.
Top 10 Google
Top 10 organiche

L’interesse del 17 agosto era alimentato da due notizie distanti per quanto tematicamente simili: l’interesse al trend Montagnier, quand’anche insofferenza, e le difficoltà di accesso al fascicolo sanitario della Regione Lombardia che aveva conseguenze sulle verifiche green pass.

Gli interessi dei visitatori serviti da Google comparati a quelli dei visitatori serviti da tutte le ricerche organiche – che includendo anche Google fanno del motore la determinante di filtro – indicano la rinnovata attenzione alla sicurezza informatica forzata dal ransomware alla Regione Lazio, non necessariamente correlabile all’interesse principale: informazioni sull’attualità del Covid per capire, per cercare di aggirare il problema green pass, per approfondire tematiche relative a fake news ma anche per cercare info sulle posizioni dei social network.

La moderazione politica secondo Twitter (articolo che riscontrò lo stesso problema di indicizzazione di “Procedure Speciali Human Rights”) è un argomento d’interesse per i vistitatori serviti da Google ma non per i visitatori serviti dal totale organico. Viceversa gli interessi relativi al Pegasus Leak non sono significativi in top 10 utenze Google.

Eccezioni ransomware

Il ransomware alla Regione Lazio è stato un evento che ha catalizzato l’attenzione di visitatori interessati all’argomento come anche di BOT che altrimenti avrebbero ignorato il sito. Unitamente ai BOT che raggiungevano il sito interrogando i motori di ricerca, il ransomware ha interessato anche attività di attori ascrivibili a blacklist e blocklist. Queste visite sono state servite principalmente dai risultati di ricerca Google, evidenza che falsa le visite servite da parole chiave riguardanti argomenti ransomware.

Le ricerche effettuate dagli utenti che hanno utilizzato il search del sito riflettono preferenze più realistiche, pur considerando eccezioni per quanto riguarda alcune visite servite da Twitter, poco condizionate dai BOT non autorizzati allo spider del sito e ancor meno influenzabili da attori intrusivi pur presentando anomalie di search.
Top 10 Google
Top 30 Search

Il caso della Regione Lazio ha influenzato l’attenzione a breve termine dei visitatori. Parte delle visite non possono essere ascrivibili all’interesse sulla situazione dei servizi regionali legati alle prenotazioni sanitarie: le ricerche effettuate dai visitatori con il search del sito indicano l’interesse a chiavi di ricerca CyberSec: agenzia nazionale, italia cyberwarfare e ancora cyberwarfare “sicurezza informatica”.

La top 5 delle Note conferma l’interesse artefatto riscontrato tranne che per la voce WOM (Word-Of-Mouth). Le percentuali arrotondate considerano come 100% il totale top 5 :

  1. LockBit 2.0 (37%)
  2. RansomEXX (21%)
  3. Ransomware (17%)
  4. WOM (13%)
  5. Social engineering (12%)
Le Note attualmente non sono presenti tra le voci menù del sito, non sono indicizzate in sitemap e non sono disponibili nei feed tradizionali: i link alle voci sono proposti internamente a determinate pagine del sito o come approfondimento al contenuto di un articolo. 

Conclusioni preliminari

Tutto considerato sono predominanti le ricerche sul covid unitamente a query d’interesse migranti come flussi migratori, africa, campagna vaccinale europa, immigrazione. Spicca l’interesse per argomenti di propaganda+politica per almeno 120 ricerche effettuate prima del 20 agosto: fino al 21 agosto i risultati di ricerca del search interno raggruppavano articoli contententi una o tutte le parole cercate; per cercare articoli che contenessero tutte le parole richieste era necessario utilizzare il + (non equivalente allo spazio) oppure la parola “and”. Le opzioni di ricerca del search non erano note ma visualizzabili nel campo di ricerca della pagina dei risultati: i metodi + e and erano inclusi in link di approfondimento interni a frasi o passaggi linkati in pagine e nei contenuti degli articoli; i visitatori seguendo i link negli articoli consultavano i risultati del search per poi eventualmente proseguire con ricerche autonome utilizzando gli stessi metodi.

La lista degli articoli più letti durante il mese di agosto, filtrata dalle considerazioni esposte fino a qui, consolida l’interesse verso le scatenati della divulgazione di fake news e, contemporaneamente, verso argomenti d’interesse prettamente no green pass e no-vax.

La top 5 d’interesse per tag, condizionata dal passaggio di BOT e spider non autorizzati, evidenzia l’interesse a tematiche convergenti sull’attualità vaccini e migranti:

  1. Libia (36%)
  2. Campagna vaccinale (18%)
  3. COVID19 (17%)
  4. Green Pass (16%)
  5. Social network (13%)

La top 10 di visite per nazioni, incentivata dalle traduzioni automatiche offerte dai maggiori browser sia per desktop che per dispositivi mobili, è condizionata dalle eccezioni descritte in ricerche ransomware:

Tra le ricerche anomale effettuate con il search del sito durante il mese di agosto, una è di particolare interesse per il tipo di stringa proposta:

La ricerca di corrispondenze su Google porta a risultati significativi per “vaccination group dose number:2 marketing authorization holder:org-” e all’ovvio suggerimento di Google “forse cercavi vaccination group does“:

Info Trendline

Le informazioni riportate in questo documento sono basate sull’analisi dei dati forniti dalla piattaforma Google Analytics e da raccolte dati anonime in norma GDPR così come riportato in Informativa sulla Privacy. Qualsiasi utilizzo dei dati proposti a fini divulgativi è a rischio dell’utente: le analisi possono includere imprecisioni dovute all’incompletezza delle metriche di raccolta, oppure errori di analisi, imprecisioni tecniche o errori tipografici.

The Intruder News si riserva il diritto di apportare modifiche al contenuto in qualsiasi momento senza notificarne l’update. Riferimenti contatto in calce per qualsiasi richiesta relativa alla documentazione prodotta.

The Intruder News ( Intruder ) utilizza cookie di terze parti per garantire la sicurezza del sito e per fornire all'utente la miglior esperienza di navigazione possibile. I dati sono raccolti in forma anonima e in norma al Regolamento Ue (RGPD) in materia di protezione dei dati personali. Continuando ad utilizzare l'Intruder dichiari di aver preso visione della nostra informativa sulla privacy
ok
The Intruder News